Home  |  Forum  |  Chi Siamo  |  Contatti
 

• Ambiente e archeologia
• Costruito storico e architettura
• Conservazione, restauro e valorizzazione dei BB.CC. mobili
• Impiantistica, Organizzazione e gestione delle strutture museali
Applicazione nuove tecnologie informatiche e telematiche ai BB.CC.AA
• Gestione e valorizzazione del territorio
• Diffusione ed integrazione dell'innovazione

   
     
 
 

 

 

 

Laboratorio Aperto di Grafica Avanzata Cooperativa

 

 

 
 

 

L’attuale offerta di potenti sistemi grafici ha reso possibile lo spostamento dell’attenzione dalla visualizzazione di datiall’utilizzo della realtà virtuale immersiva, dove l’utente ha la possibilità di vedere dal di dentro i risultati.

Il Laboratorio Aperto di Grafica Avanzata Cooperativa di INNOVA rappresenta, per le piccole e medie imprese del settore informatico, dei settori correlati a quello dei beni culturali ed ambientali, della progettazione architettonica integrata, un’occasione unica in Campania per il concreto utilizzo di potenti strumenti di calcolo e di grafica.

I servizi innovativi di grafica avanzata e realtà virtuale sono veicolate sulla Rete metropolitana a larga banda, sono definiti strutturando offerte realmente rispondenti alle esigenze del comparto delle PMI, delle microimprese e degli operatori professionali del settore della progettazione architettonica/ingegneristica, dell’entertainment e settori correlati.

Le attività sono organizzate intorno ad una Architettura Software di Cooperazione per l’interoperabilità di Sistemi Avanzati di Grafica e Realtà Virtuale (Visual Area Network –VAN), dove uno degli aspetti salienti risiede nella possibilità di utilizzare le risorse computazionali grafiche in modo remoto anche su sistemi non dedicati.

Infine una delle attività pianificata è quella della formazione sul campo nell’ambito della progettazione architettonica/ingegneristica avanzata assistita.

L’architettura portante del Laboratorio Aperto di Grafica Avanzata Cooperativa e di Calcolo Intensivo è costituita da una piattaforma tecnologicamente avanzata organizzata intorno ad una infrastruttura telematica geografica a larga banda, da un cluster di sistemi di calcolo e grafici ad alte prestazioni corredati da un ambiente software flessibile ed amichevole per la cooperazione distribuita come collante dell’intera applicazione.

L’ambiente per la Grafica Collaborativa e la Realtà Virtuale prevede la presenza di strumenti software multipiattaforma per lo sviluppo di applicativi, ad esempio Maya, e di un server grafico, SGI-VizServer, per consentire ad un qualunque client di accedere alle capacità di visualizzazione, alle funzionalità di collaborazione ed alle prestazioni di grafica avanzata remote.

I settori applicativi possono essere così schematizzati:

  • Area dell’Intrattenimento

La produzione di realtà sintetica per scopi di divertimento/intrattenimento sta raggiungendo un discreto grado di diffusione, dai videogames all’utilizzo della realtà virtuale per la presentazione di situazioni non simulabili in modo analogico a costi e tempi contenuti.

  • Area della progettazione assistita

La progettazione è uno di quei settori in cui l’utilizzo di strumenti informatici è maggiormente presente e consolidato. In ogni caso l’accresciuta capacità di calcolo di piccoli e medi sistemi di calcolo non permette di evitare la frammentazione del ciclo di progettazione in fasi disgiunte ed eseguite in successione. Il Laboratorio Aperto di Grafica Avanzata Cooperativa consente di avere un controllo unitario del processo progettuale ricoprendo le fasi che vanno da quella di modellazione a quella di visualizzazione del comportamento dinamico degli artefatti da progettare.

  • Area della gestione di impianti complessi

La possibilità di gestire modelli geometrici complessi e di grosse dimensioni, alcuni milioni di poligoni arricchiti delle necessarie textures, permette di effettuare un salto di qualità anche nella gestione ex-ante di grosse infrastrutture, ad esempio edili su territori più o meno vasti, consentendo una consapevole valutazione dell’impatto ambientale e dello stato di avanzamento e modifiche in corso d’opera.

 

Leggi l'articolo su INNEWS

 

 

 

Torna sopra